Che strani che siamo


Di Francesca Maltese

Che strani che siamo:
la guerra la urliamo
e poi?
Ci vergogniamo
di dire
ti amo;
Ci sentiamo sole
E poi?
Rifiutiamo
l'amore;
cerchiamo l'altra metà, 
ma in realtà
è la prima che non ci va;
Non piacciamo a noi stessi,
vorremmo solo essere stretti;
generalizziamo
e odiamo
anche chi
non conosciamo,
poi non diciamo
buongiorno
a chi amiamo;
costituzioni
di diritti, uguaglianze e libertà
e nessuna che inneggi
alla felicità;
Facebook, Twitter, Instagram e WhatsApp,
vorremmo solo qualcuno
che ci dica
vieni qua;
dieci foto in cento pose,
sempre a dire mille cose,
a parole siamo in tanti,
mentre a fatti stiamo scarsi;
a tutti voi fieri di sé,
ma mi dite perché
se la guerra la urliamo
un ti amo sussurriamo?

Commenti