I lombriconi


Popolo dei Lombriconi che abiti un canyon naturale sotto il Rio Salivoli, in odore di mare. Popolo vituperato da scrittori di successo, con i tuoi panni tesi alle finestre, dovrai accontentarti del mio canto che profuma di ricordi e merende anni settanta, giovani calcatori tra primule e glicini in fiore, in attesa d'una televisione in bianco e nero, alle cinque d'un pomeriggio di milioni d'anni fa. Popolo che sottende una curva di dolore tra palazzi uguali a una storia perduta, sogni e pini, lecci e acacie, rumore d'acqua sorgiva mentre le tortore intonano un funebre canto. Qui non si fa noir, cari scrittori da scuderia Rizzoli, qui si compone dal niente poesia in forma di rosa, tempo perduto che si fa rimpianto, tra ciottoli smussati dalle acque d'un Rio Salivoli che diventa mare.

Commenti